Un libro che fa pensare… che fa amare

Io sono Gesù di Giosué Calaciura, Sellerio 2021 ll Gesù di Calaciura è un giovanissimo viandante in un cammino pieno di sorprese, passioni e tradimenti, dolcezza e violenza. Attorno a lui uomini e donne che sono figli di una terra con leggi spietate, il feroce dominio romano con la sua inarrivabile macchina bellica e governati va, l’autorità religiosa e morale dei sacerdoti, l’arroganza e lo sfarzo dei ricchi, la brutalità di chi si pone al di fuori della società e depreda i più deboli, la disperazione di chi non trova nemmeno un’oliva per nutrirsi o una pozza per dissetarsi. È un tempo inquieto, stravolto da cambiamenti profondi, il nuovo e il vecchio, l’antico e il moderno collidono e si sgretolano, nessuno più di un ragazzo tormentato dal desiderio e dall’ansia del futuro è capace di avvertire il battito sotterraneo di una rivoluzione in
arrivo. Di cui, senza davvero volerlo, sarà protagonista.
Strutturato quasi come un feuilleton, punteggiato di colpi di scena, innervato da una tensione costante, il romanzo di Calaciura racchiude in sé l’impeto dell’avventura e dell’epica, l’intrigo
familiare, la paranoia del sospetto, la tensione del mistero irrisolvibile.
Ho letto questo libro in preparazione alla solennità di san Giuseppe che quest’anno coincide con l’anno dedicato al padre di Gesù. Ho sempre pensato e amato l’idea che Gesù non abbia mai negato di essere e la lettura di questo libro ha dato profondità a questo mio sentimento profondo. In realtà Gesù doveva essere “tutto suo padre” e . È questa l’avventura di ognuno di noi…, tra l’altro mio padre si chiama così: Giuseppe.
Consiglio questa lettura… non è un libro devoto, ma un libro profondo che fa pensare… che da amare ancora di più il mistero della nostra umanità di cui Gesù è la più certa e la più vera delle realizzazioni. E questo lo dobbiamo anche a quest’uomo che accetto di fare tutto per questo figlio senza mai dire una parola davanti alla Parola. Almeno noi non ne conosciamo alcuna perché quelle
scambiate tra questo padre e questo figlio sono puro mistero.

Fr. MichaelDavide