Seminatore

Scandalizzati

XVIII settimana T.O.

Il profeta Geremia ci ricorda che: <La tua ferita è incurabile, la tua piaga è molto grave> (Gr 30, 12) e, da parte sua, il Signore Gesù si fa balsamo per ogni ferita e cicatrizzante per ogni piaga soprattutto quando ci sentiamo <scandalizzati> (Mt 15, 12) dalle sue parole e dai suoi gesti. Con questo capitolo del profeta dei conflitti si apre il cosiddetto <libro della consolazione> (Ger 30-33). Dopo aver rammentato al popolo tutte le sue infedeltà e le conseguenze del suo allontanarsi da Dio che la ha come ammalato gravemente, ecco che il profeta dopo aver diagnosticato con crudezza il male non dimentica di offrire pure al speranza di una guarigione e l’indicazione di una promettente terapia. Il primo passo del cammino di restaurazione e di radicale rinnovamento che Dio propone al suo popolo sembra essere proprio la presa di coscienza che l’Altissimo non punisce mai per annientare, bensì per rimettere in piedi una relazione di fiducia e di amore che permetta di continuare fino a rendere ancora più meraviglioso l’esperienza della salvezza.

Geremia si fa profeta di un’alleanza nuova talmente radicale da coincidere con una nuova creazione. Questo movimento salvifico di Dio si esprime in termini di intimità mai prima realizzata: <Voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio> (Ger 30, 22). L’immagine sponsale è radicalizzata da quella medica che il Signore Gesù riprenderà proprio agli inizi della sua predicazione e del suo ministero di guarigione. La domanda rivolta al popolo è indirizzata a ciascuno di noi: <Perché gruidi per la tua ferita?> (30, 15). Non ha molto senso gridare e disperarsi, ciò che bisogna fare è lasciarsi guarire accettando anche l’amarezza di certe terapie in vista di un completo ristabilimento. Come dopo la rottura di una relazione amorosa la riconciliazione ritorna possibile solo per un incremento di fiducia nell’altro frutto di un amore maturato nella prova, così la guarigione di ogni ferita è possibile solo a partire dal riconoscimento del malato di avere bisogno di un medico e la capacità di fidarsi fino ad affidarsi senza cedere né alla fobia della disperazione né, tantomeno, ai capricci.

Nel Vangelo, il Signore Gesù si comporta come medico esperto che non ha paura di affondare il bisturi nella carne viva per asportare il tumore dell’ipocrisia e della sclerocardia: <Lasciateli stare! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso> (Mt 15, 14). A nulla serve scandalizzarsi se non si è disposti a convertirsi in prima persona, piuttosto che farsi garanti e guardiani severi del cammino di conversione degli altri. I farisei e gli scribi si dimostrano assolutamente attenti a ciò che fanno gli altri e in questo sembrano avere uno sguardo veramente penetrante tanto da essere insostenibile: <Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi?> (15, 2). Non è di questo che bisogna essere scandalizzati, ma del fatto di non essere in grado di vedere oltre le <tradizioni degli antichi> per cogliere nella realtà e nelle persone il luogo in cui incarnare e inverare la Tradizione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.