Seminatore

Ciascuno

XXII settimana T.O.

Il ministero del Signore Gesù è un servizio offerto a <ciascuno> (Lc 4, 40) senza essere per questo in nessun modo né elitario né settario. Dalla sinagoga alla <casa di Simone> (4, 38) sembra non ci sia poi chissà quale differenza, né tantomeno sembra ci sia da fare non solo molta strada esteriore, ma neppure molto cammino interiore. Così pure per il Signore Gesù non c’è molta differenza tra l’agire, con i suoi gesti e le sue parole, nell’intimità della casa e in un rapporto quasi intimo con questa donna che viene rimessa in grado di servire, e la moltitudine di <infermi affetti da varie malattie> (4, 40) che vengono condotti al Signore Gesù <al calar del sole>. Attorno a Gesù sembra rinnovarsi la vita e questo comporta che ciascuno riceve esattamente ciò di cui ha bisogno. Non solo, davanti al dono ricevuto, sembra che ognuno riveli, in modo del tutto naturale, ciò da cui personalmente è veramente abitato. Tra costoro vi sono anche dei demoni che gridano e sbraitano… e così, a loro modo, si rivelano.

Il Signore Gesù sembra non temere l’incontro con nessuna delle nostre miserie e non si scandalizza di quello che può ammalarci nel corpo e nell’anima, ma si muove in mezzo alle nostre povertà e alle nostre necessità con la stessa disinvoltura con cui l’Altissimo ha creato il mondo, procedendo con ordine e con amore senza perdere né la propria libertà né tantomeno la propria serenità. La domanda sgorga in modo naturale: <Dove trova Gesù la forza e l’ispirazione per essere così efficace e al contempo così sereno da sembrare persino un po’ distaccato?>. La risposta è la sua abitudine a ripartire continuamente dalla preghiera in cui attinge non solo la forza per essere presente accanto alle nostre sofferenze, ma, prima di tutto, l’ispirazione autentica per non essere mai offuscato nella coscienza della sua missione: <E’ necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato> (4, 43).

Se il Signore Gesù è capace di raggiungere concretamente <ciascuno>, da parte nostra dobbiamo sempre vigilare a non cedere alla tentazione di confondere la cura che riceviamo personalmente e il fatto che questo si identifichi con forme di esclusivismo settario. Contro questa tentazione la parola di Paolo si fa chiarimento e guida: <Sicché né chi pianta né chi irriga vale qualcosa, ma solo Dio, che fa crescere> (1Cor 3, 6). L’apostolo si lamenta: <sinora non ho potuto parlare a voi come a essere spirituali, ma carnali, come a neonati in Cristo> (3, 1). Siamo carnali e neonati tutte le volte in cui facciamo confusione tra l’attenzione e la cura con quel senso di possesso e di esclusività che non ci permettono di crescere certo in libertà. Ciò che possiamo ammirare e imparare dal Signore Gesù è proprio questa capacità di farsi incontro a ciascuno, ma custodendo talmente la propria libertà da donarla continuamente senza legare a sé, ma rimandando alla vita che non può essere vissuta se non in modo personale e unico. Per questo <andava predicando nelle sinagoghe della Giudea> (Lc 4, 44).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.