Oggi è la parola

Proibito?
Venerdì, 20 Luglio 2018
Venerdì – XV settimana T.O. (Is 38 passim / Sl: ibidem / Mt 12, 1-8)   Il Signore Gesù non esita a proclamarsi <signore del sabato> (Mt 12, 8) e lo fa non con un senso di superiorità o a partire da un privilegio...

Ultime news

Su La Croix, quotidiano dell'episcopato francese, un articolo sul libro di fr. MichaelDavide "Preti senza battesimo?" uscito in Francia la il 31 Maggio. Sul sito "Fine Settimana" trovate la...

Mercoledì – VII settimana T.P.

(At 20, 28-38 / Sl 67 / Gv 17 11b-19)

 

Le immagini di dedizione dominano la liturgia! L’evocazione da parte dell’apostolo Paolo della comunità dei credenti come quella di un <gregge> (At 20, 28) che va curato e custodito con un amore capace di dare la vita, ci permette di comprendere ancora più profondamente il senso delle parole oranti del Signore Gesù: <per loro io consacro me stesso> (Gv 17, 19). Il modo con cui il Verbo fatto carne si è consacrato alla nostra umanità, che ha ricevuto dal Padre suo come un tesoro da custodire e da impreziosire, non può essere circoscritto ad un’azione cultuale per quanto possa essere sacrificale, ma va ben oltre ed esige il rischio e il dono dell’intera sua persona. Lo ricorda l’apostolo Paolo indicando ai pastori della comunità in che cosa realmente consista il loro compito: <Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge, in mezzo al quale lo Spirito Santo vi ha costituiti come custodi per essere pastori della Chiesa di Dio, che si è acquistata con il sangue del proprio Figlio> (20, 28). 

Le parole con cui il Signore Gesù si rivolge al Padre ci fanno comprendere quale sia la volontà e il disegno di Dio che nel Cristo si è rivelato nella sua pienezza. Secondo la tradizione ebraica ogni cosa che viene consacrata lo è attraverso un’aspersione di sangue e così si ricorda che la consacrazione è sempre legata al dono e alla capacità di perdere la vita visto che <il sangue è la vita> (Gn 9). Sempre nella tradizione lunguistica dell’ebraismo le parole <verità> e <fedeltà> hanno la stessa radice che viene evocata continuamente nella Liturgia con l’acclamazione “Amen!”. In realtà il nostro “amen” non è che la risposta all’Amen che Dio ha pronunciato su di noi chiamandoci alla vita e per noi rivelandoci le vie della vita nella Pasqua del suo Figlio.

All’immagine di dedizione si affianca, del tutto naturalmente, una sorta di preoccupazione che attraversa il cuore dell’apostolo: <Io so che dopo la mia partenza verranno fra voi lupi rapaci, che non risparmieranno il gregge> (At 20, 29). Ciò che fa sanguinare il cuore di Paolo è ciò che già fa sgorgare dal cuore di Cristo Signore una fervida – accorata sarebbe il termine più adeguato – preghiera che sale verso il Padre: <Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo come io non sono del mondo> (Gv 17, 15). A ciascuno di noi è chiesto di entrare nella preghiera del Signore Gesù e di lasciarsi toccare profondamente dall’esortazione di Paolo che ricorda <le parole del Signore Gesù che disse: “Si è più beati nel dare che ne ricevere!”> (At 20, 35). Anche noi come e con l’apostolo che <si inginocchiò> (20, 36) siamo chiamati a pregare e a metterci sempre di più ai piedi dei nostri fratelli e sorelle in umanità per mettere a loro disposizione tutta la nostra vita per trovare tutta la nostra beatitudine nel farci in tutto conformi al <Signore e Maestro> (Gv 13, 14) che prima di parlare ai suoi discepoli e persino prima di pregare il Padre suo, si mise a lavare i piedi persino di chi stava per rinnegarlo e tradirlo.